CARTA DEI SERVIZI - DOCUMENTAZIONE

Download
CARTA DEI SERVIZI REV. 7 2018
CartaServiziRev7.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.8 MB


Reclami, segnalazione di disservizi, suggerimenti o note di gradimento

Possono essere comunicati con apposito modulo, allegato alla presente, disponibile presso il Servizio Protocollo dell’Ente. Non sono prese in esame segnalazioni anonime. Nel caso di reclamo o di segnalazione di disservizio, il responsabile del servizio interessato dovrà dare risposta entro trenta giorni all’autore della segnalazione, nel rispetto delle disposizioni a tutela della riservatezza. Ulteriori disposizioni di dettaglio sono previste in apposita procedura.

Download
MODULO PER OSSERVAZIONI E SUGGERIMENTI
ModuloSuggerimenti.pdf
Documento Adobe Acrobat 181.8 KB

Informazione, privacy e sicurezza

- Disponibilità e cordialità da parte del personale addetto, al fine di assicurare all’utente il rispetto della dignità e della personalità dello stesso.

- Riconoscibilità del personale attraverso apposito cartellino di identificazione e divise differenziate: camici bianchi per medici e fisioterapisti, divise bianche per infermieri, divise bluette per ASA-OSS, divisa rossa per le animatrici, divisa rosa per l’aiuto fisioterapista e divise bianche e verdi per il personale addetto alla lavanderia.

- Accurata comunicazione dell’iter diagnostico e terapeutico da parte del medico referente.

- Partecipazione informata dal degente alle cure fornite, con sottoscrizione, ove richiesto, di consenso informato alle procedure, tempestivamente comunicate in modo comprensibile ed esauriente.

- Garanzia sulle modalità di trattamento e comunicazione dei dati personali.

- Nomina Amministratore di sostegno, a seguito di valutazione dell’équipe multidisciplinare. La RSA procede, se le condizioni fisiche e cognitive dell’Ospite ricoverato lo richiedono, a segnalare la necessità della nomina del AdS al Pubblico Ministero del Tribunale di residenza, come previsto dalla L. 6/2004.

- Sicurezza tecnologica e impiantistica delle attrezzature anche nei riguardi di possibili incidenti, curata dal servizio di prevenzione e protezione, a tal proposito si precisa infatti che la struttura ha ottemperato agli obblighi contenuti del D. Lgs. 81/08 e succ. mod. riguardante la sicurezza dei lavoratori e dei residenti in struttura, predisponendo idoneo Documento di valutazione dei rischi e Piano di emergenza, curando il costante aggiornamento dei documenti di sicurezza, nonché la formazione obbligatoria del personale. A tutti i lavoratori viene data l’informazione generale e specifica sui rischi a cui sono sottoposti e sulle misure di prevenzione da adottare, sull’uso dei dispositivi di protezione individuale, sulle procedure da eseguire in caso di emergenza.

- Sicurezza alimentare, è stato elaborato il manuale previsto dal D. Lgs. 155/97 (Sistema di analisi dei rischi e controllo dei punti critici sulla produzione alimentare) mettendo in atto un sistema di “controllo del processo” che identifica la possibilità di verificarsi dei rischi durante la manipolazione degli alimenti. Il personale ha seguito un corso di formazione sulle norme igieniche e sulla prevenzione delle contaminazioni alimentari, che viene ripetuto con periodicità stabilita a seconda della mansione.

- Sin dal 2006 questa RSA ha adottato un Protocollo per la prevenzione del rischio di infezione da Legionella, che prevede l’applicazione di procedure specifiche a cura del personale dell’Ente e di ditte specializzate appositamente delegate e l’esecuzione di analisi semestrali di controllo dell’acqua.

- Nel corso del 2012 questa SRA ha provveduto all’elaborazione di tutta la documentazione prevista dal D.Lgs 231/01. Tale decreto ha come obiettivo quello di porre in essere modelli di organizzazione e di gestione atti a prevenire/impedire la commissione di reati all’interno della RSA. Il codice etico dell’Ente è stato affisso in bacheca per la consultazione da parte di Ospiti, familiari, visitatori e personale. A Dicembre 2014 è stato nominato, dal Consiglio di Amministrazione, l’Organismo di Vigilanza e dal Gennaio 2015 si procede all’applicazione del Modello 231 adottato dall’Ente.